• ...benvenuti a voi che passate per questa mia casa, entrate in silenzio e con calma, sedetevi e ascoltate ogni respiro perso in ogni stanza,troverete solo serenità e bellezza fatta di cose vere e semplici.Una casa abitata da felini dagli occhi d'oro e dal manto argento-blu, il colore della luna piena d'agosto. Accarezzare un gatto, affondare il viso e aspirare il loro essere ci fa sentire la libertà cos'è.Il certosino è la sentinella dei nostri sogni, nessun incubo potrà introfularsi nel nostro sonno, e il risveglio sarà dolce come i suoi occhi che ci guardano con amore...
  • 1

UN CERCHIO

 

 

Stamattina camminavo nel parco, la luce era ancora poca ma già  vedevo la bellezza del sole che sorgeva.
Tra la poca erba gelata ho visto le primule con la testina rivolta verso a quel chiaro e mi sono sentita un niente.
Vuoi che ieri è stata una giornata terribile, una di quelle che non mi dimenticherò mai.
Una giornata scandita dal dolore fisico e mentale, tutto ciò mi ha portata ad aprire uno scomparto dove di solito butto le cose che mi fanno male per poi riprenderle quando ho più forza.
Forse non è il momento giusto visto quello sto vivendo ma forse è proprio per questo che tutto ha preso forma.
Allora, cercherò, almeno lo spero, di riuscire a farmi capire da chi mi leggerà.
Io anni fa avevo un Blog, mi piaceva, scrivevo cose mie, senza avere la pretesa della scrittrice naturalmente, avrei fatto ridere i sassi.
Un mio piccolo spazio dove venivano tante persone, ci si leggeva a vicenda e si commentava, con tanti sono diventata amica, era veramente bello "parlare" con loro.
Ma c'erano anche le "galline" come le chiamavo io, quelle che venivano solo a commentarti senza neppure leggere per poi avere la pretesa che tu a tua volta andassi a commentare il loroBlog.
Cosa stressante, iniziavano con il Buongiorno, al buon pranzo, al buon pomeriggio , alla buona sera... insomma no, assolutamente no!
Ho smesso di andare a "salutarle" e piano piano sono sparite.
Ecco, ora questo gioco si sta ripetendo con Facebook, con i "mi piace" no, vi prego no!
Non caschiamo in questi giochi assurdi, non si può metter una foto per poi contare i vari "mi piace" e offendersi se non vengo a metterlo.
Mi spiace ma non voglio entrare in certi meccanismi che ci portano a delle divisioni e perchè no, rancori.
Voi siete le mie Isole e basta, per me siete tutti importanti perchè conosco ognuno di voi, sul mio cellulare il vostro nome è abbinato al nome del vostro Grigio, non fatemi del male, non facciamoci del male.
Ultimamente mi sono arrivate voci di incomprensioni tra di voi, pensare che non vi conoscete nemmeno mi fa male, potreste trovarvi faccia a faccia e nemmeno sapere chi siete.
Ma poi per che cosa?
Io metto le foto che mi colpiscono di più, ogni vostro Grigio fa parte di me ma ovviamente non passo la vita al computer e non posso metterle tutte ma non per questo vi dovete fare domande.
Voi tutti siete importanti, certo, con qualcuno di voi sono più in contatto, ci conosciamo di più ma questo non toglie che tutti voi siete le mie isole e io ne sono orgogliosa.
Allora per favore cerchiamo di andare oltre a quelle piccole, piccolissime meschinità che ci rendono a volte infantili e sciocchi, la vita è una sola e l'amicizia e il rispetto deve essere sacro.
E allora veniamo alla seconda parte di questo " sermone" quella più dolorosa che mi ha dato lo spunto per scrivere tutto questo.
Vorrei che tutti voi vi uniste a me, idealmente, formando un cerchio di luce, un cerchio di mani.
Ripeto, la vita è una e noi non sappiamo quando questa cambia, basta un attimo e siamo niente, possiamo avere tutto l'oro del mondo ma nulla possimo fare contro il male.
Una persona a me molto cara sta male, malissimo, ieri in un attimo la sua vita è cambiata, ora sta lottando contro il nulla, la cosa più terribile è che si deve solo aspettare.
Aspettare e pregare.
L'energia dell'amore è potente, potentissima, io so che voi non lo conoscete ma ci sono io.
Io so che voi mi volete bene e questo basta, allarghiamo le braccia e teniamoci per mano, l'energia che mi date gli arriverà.
Ogni forma di preghiera va bene, è tutta luce buona, anche un mantra, un ti prego vivi va bene.
Vi ringrazio e basta....

GIORNO SU GIORNO....

 

TIFFANY

 

Strano questo inizio autunno, siamo quasi a metà novembre ma non fa freddo.
I caloriferi restano spenti e i giorni si alternano con pioggia e vento.
Stamattina al parco era uno spettacolo, mille foglie strappate con forza dal vento volteggiavano attorno a me, colori bellissimi, dall'oro caldo al rosso vivo, nel prato ci sono ancora le margheritine, ultimi fiori a lasciarci per poi essere i primi a salutarci in primavera.
Ci stiamo preparando al letargo, un periodo fatto di famiglia e di coccole.
Coccole e gratini per le mie pelose grigie, ma ultimamente sono nati dei problemi.
Brina dopo il taglio cesareo e l'anestesia è diventata intollerante verso una sua amica, la timidissima Sissi.
Veramente a volte non sopporta neppure sua madre ma poi trova sempre il motivo per far pace, gli piaciono troppo le coccole di Rebecca e meno male.
Ma con Sissi si comporta veramente male, vuoi che la patatona è una pacifista estrema e non ama nessuna guerra, vuoi che tenta sempre di nascondersi, Brina la tiranneggia e la mena alla grande.
Ultimamente sono arrivata al punto di mettere Sissi in nursery e di chiudere la porta, oppure di portarmi solo lei nel lettone per coccole super ignorando i vari grattamenti e urli di sdegno alla porta.
Con Dharma alterna il gioco alla zampata brutta, insomma vedo un disagio che senza dubbio è dovuto al trauma che ha subito e cerco di aiutarla ma devo anche diffendere le sue compagne.
So che passerà, ci vorrà tempo e serenità attorno a lei, dovrà risentire la sicurezza che aveva prima di finire sul quel tavolo di acciaio dove gli hanno strappato i suoi piccoli e dove lei si è risvegliata piena di dolore.
Per ora le cose vanno così, a Natale dovrebbero nascere i bimbi di Sissi e questo so che aiuterà tutti, infatti i piccolini fanno da porto franco, tutte diventano più dolci e vanno a curiosare nella nursery, seguono la crescita e a volte aiutano.
Sissi sicuramente diventerà più combattiva e chissà che Brina capisca che non è la supergatta imbattibile che si crede ora e accetterà di riammetterla nella sua schiera di amicizie.
Ma c'è tempo, abbiamo tutto un lungo inverno davanti a noi, angoli fatti di morbidi giorni spalmati di serenità e di positività.
E intanto c'è Tiffany che miagolando porta in giro i vari giochini, mancano anche a lei i piccini anche se quando ci sono è l'unica a ignorarli, forse perchè lei non può più averne  e la sua gelosia la porta a questo.
Lei, la vecchiona, lei la più ammirata di tutte.
Di lei si innamorano tutti perchè è una che ti viene a cercare e non  fa nulla se non ti conosce, lei non ti molla fino a che non l'accarezzi e stai sicuro che quando vai via vai via con la sua immagine nel cuore.

BRININI

 

 

 

DULCINEA/MIA DE LA SCIAMANA


Ogni volta è come se fosse la prima volta.
Ogni volta è un distacco che fa male.
Ogni volta è un pezzettino di me che va via.
Ogni volta....
Ma questa volta è peggio.
Questa volta c'è di più...
Vuoi che questa cucciolata l'ho vissuta in simbiosi con Brina.
Vuoi il taglio cesareo, l'angoscia e l'urgenza dell'evolversi dei fatti.
Fatti che si sono accavallati in giorni e giorni di coccole e di allattamento, di paure e speranze vedendo l'ago della bilancia spostarsi anche di pochissimi grammi verso la vita.
Ogni due ore, notte e giorno ero con loro e loro mi aspettavano, mi riconoscevano anche con gli occhietti ancora chiusi.
Piano piano si avvicinavano a me sapendo che avrebbero trovato cibo e tenerezza.
Brina ha vissuto questa mia intrusione con gioia, anzi, se tardavo era lei che mi cercava, troppo provata  per questa anomala nascita e poi anche il riaprirsi della ferita.
Giorni strani con i Brinini divisi per aiutare la ferita a richiudersi, terapia laser e Brina che accettava tutto sapendo che mai l'avrei abbandonata.

 

DUCA DE LA SCIAMANA


All'improvviso me li sono trovati "grandi" ecco, tutto era passato, iniziavano i giorni delle scoperte, dei giochi e finalmente ho potuto mettere via il biberon.
Lo svezzamento è stato facile, già conoscevano  odori e sapori diversi, svegli e attivi dal rasentare l'iperattività, ognuno di loro era bellissimo eppure diverso.
C'era Aquila che all'inizio credevo femmina dalla voce prepotente e dalla frenesia con cui cercava il bibo, carattere curioso e dolcissimo, con il tempo si è calmato ma il suo nome lo seguirà sempre, vero Dante Aquila?
Penelope la dolce principessa che non mollava il biberon nemmeno quando aveva la pancina piena come una palla e che dovevo usare quasi la forza per staccarla.

 

DAFNE/PENELOPE DE LA SCIAMANA


Dulcinea/Mia, carattere gioioso ma che non perdeva una guerra con i fratelli, sempre la prima a partire e l'ultima a fermarsi.
Duca, guerriero pacifico, impastato di sonno e di risate fatte sul suo pancino.
Contessa Fendy la bimba sempre di corsa, quasi avesse l'urgenza dell'arrivare ovunque.
I Brinini, chiamati cos'ì da Stefania, cara e dolce amica, tu sai tutto, sai con quanto amore abbiamo vissuto questi Brinini.
Trovare le persone che poi diventeranno le "mie" isole non è facile, stavolta il mio cuore voleva di più per i Brinini.
Io so che ogni mamma e papà umani che si portano a casa un mio bimbo sa che con loro portano un pezzettino di me, lo sento.
Il nostro rapporto inizia di solito presto, è un conoscersi e uno scoprirsi, si diventa amici in nome di un certoso e il cerchio si allarga, isole e basta.

DANTE/AQUILA DE LA SCIAMANA


Difficilmente ci si perde, c'è un filo d'argento che ci unisce fatto di foto e di pensieri, telefonate anche solo per dire che il bimbo si è abbuffato di gamberetti, insomma gioia, semplice gioia e serenità.
La tristezza poi passa e si gioisce del loro vivere, anche il dolore si condivide.
A volte succede un raffreddore o un piccolo incidente e allora chiamare la nonna è obbligo, anche la carezza virtuale fa bene, il messaggio all'una di notte aiuta a dormire e rende più lieve la preoccupazione.
Grazie Isole, siete voi che mi date tanto, tantissimo, io so che li amate e questo basta, Brinini e tutti gli altri, so che siete meravigliosi e che per voi sono come figli.
Vi abbraccio tutti con il cuore, voi e i vostri splendidi certosini argento blu, GRAZIE

DUCHESSA FENDY DE LA SCIAMANA

BRINA

 

 

 

 BRINA DE LA SCIAMANA  E I SUOI PICCOLI

 

Una piccola riflessione su quello che mi è successo in questi giorni.
Ci sono persone che credono sia facile "allevare gatti" !
Facile e produttivo, vedono tanti euro e non gatti loro.
I gatti sono solo gatti e basta, un mezzo per poter avere soldi facili e non lavorare.
Certo, ci sono persone così, li trovi su ebay, ti vendono un gatto a 300 euro magari malato e senza pedigree.
A volte ti prendono i soldi e poi spariscono, vero Sebastiano?
A volte ti trovi tuo malgrado a fare pubblicità con foto tue, foto fatte da me, in casa mia e spacciate come loro da persone senza scrupoli.
Sicuramente non hanno gatti perchè altrimenti metterebbero le loro di foto, sono le truffe del web.
Io lo dico sempre, non sono una allevatrice, si alleva galline se vogliamo, o pecore ma non si può allevare gatti.
I gatti si amano e basta, l'ingrediente principale è questo, non li devi vedere come un mezzo per fare soldi, devi amarli e sentirli famiglia poi il tutto viene da se.
Venerdì mattina Brina ha iniziato il travaglio, ero serena, era la sua seconda gravidanza  e perciò credevo che tutto filasse giusto ma così non è stato.
Erano già 3 giorni che non mi muovevo da casa, le mie Grigie partoriscono sempre con me accanto, sono io che taglio il cordone ombelicale e  le aiuto, loro lo sanno e si fidano.
Dopo 12 ore e più ho capito che c'era qualcosa che non andava, pochissime contrazioni e poi più nulla.
Il parto di una gatta può durare parecchio, ma io sentivo che c'era un disagio.
ho chiamato il mio veterinario ma era via, ho iniziato a chiamare le varie cliniche della zona con i reperibili ma nessuno mi ha risposto.
Oramai erano le 10 di sera di venerdì 1 agosto, tempo di ferie e di chiusure.
Su internet ho cercato una clinica aperta con presenza e finalmente ne ho trovata una.
Contattato telefonicamente il medico e spiegato il caso siamo partiti.
Abbiamo attraversato la città e arrivati in clinica per prima cosa il veterinario mi ha spiegato che la visita e tutto il resto sarebbe costato il doppio perchè c'era tariffa notturna, a quel punto non mi interessava, volevo solo che aiutasse Brina.
Visita sommaria con il dubbio che i piccoli fossero morti, io sapevo che erano vivi, li avevo sempre sentiti muoversi.
Fatta una puntura di ossitocina per  vedere se il parto continuava da solo ma dopo mezz'ora ho pregato il medico di intervenire.
Preparazione per il taglio cesareo, ho accarezzato Brina che era spaventatissima e l'ho lasciata sul tavolo operatorio.
Verso l'una ho sentito il primo miagolio, ho aspettato un pò, poi ho chiesto se i piccoli erano tutti vivi, non avendo risposta sono entrata in sala operatoria.
Il medico scocciato mi ha detto che a quel punto potevo dare una mano e stimolare i piccoli che non erano vitali.
Li aveva messi in una arcella sotto una lampada, era un groviglio di corpicini freddi e bagnati.
Ho chiesto un phon per scaldarli e ho iniziato a "strapazzarli", intanto parlavo e li chiamavo, piano piano hanno iniziato a reagire, dopo circa una mezz'ora erano tutti e cinque vitali e urlanti.
Il veterinario finito con Brina voleva ricoverarla ma io per nulla al mondo l'avrei lasciata la, ho firmato la liberatoria e dopo aver pagato quasi uno stipendio mensile siamo tornati a casa.
Non ho dormito per due notti e ancora mi alzo molto spesso anche adesso,  Brina ha preso l'abitudine di portare una piccola sola in un altro posto e naturalmente Aquila urla e mi sveglia e io corro.
Ho deciso di lasciarla fare, avrà le sue ragioni ma li sto allattando ogni 2 ore così Brina è sollevata, ha poco latte e i bricconcelli si aggrappano alla ferita oppure scambiano gli avvallamenti per capezzoli e  succhiano la ferita.
Tutto questo è naturale e non mi pesa perchè amo moltissimo Brina e amo già i piccoli.
Ora ci sarà tempo per trovare le famiglie a queste nuove pulci, ma naturalmente dovranno essere persone che non metteranno al primo posto l'integrità del divano, come dico sempre se uno ama il divano più del gatto non può avere un mio pelosetto.
Ma la cosa bella è che attraverso i Grigini incontro persone straordinarie, isole, come le chiamo io, isole che si sfiorano e che si scambiano rispetto e affetto.
Questo non è allevare, questo è vivere e basta.

Contatti

ALLEVAMENTO AMATORIALE

CON AFFISSO


GATTI CERTOSINO DE LA SCIAMANA

BRESCIA

DI SEGUITO GLI UNICI CONTATTI VALIDI

+39 377.6874616

TUTTE LE MIE GRIGIE e GLI STALLONI SONO STATI TESTATI TRAMITE PRELIEVO EMATICO PER IL RENE POLICISTICO (PKD GENETIC TEST) al laboratorio VETOGENE di MILANO, ECOGRAFICAMENTE PER HCM, ovviamente testati anche per FIV, FELV

GATTINI DISPONIBILI

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Salva

Salva

Foto

RAMESSE DEL BORGO MATTO

ELORA E BODI DHARMA DE LA SCIAMANA

ZOE DE LA SCIAMANA

tanus

TANUS DI SANTA FIORA

TRE CUCCIOLI NATI DA BODI DHARMA E DA TANUS DI SANTA FIORA

REBECCA DEL BORGO MATTO

BODI DHARMA

" Perle d'Ambra in uno scrigno di grigia bellezza "

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Ultimi saluti

Ciao Cesy sono arrivata da te col cuore colmo di tristezza perché ferito da un’allevatrice che ci aveva promesso un cucciolo.... ce lo aveva fatto conoscere .... ci aveva fatto anche scegliere il nome .... per poi a pochi giorni dalla consegna decidere di non darcelo più senza alcuna giustificazione lasciandoci con la cuccia vuota..... ma tu hai ridato noi e a mio figlio il sorriso.... perché...
Ciao cesy....finalmente sono riuscita a mettere un' impronta pure io e.....sarò scontata ma conoscere la tua famiglia umana e certosina e' stata una gran cosa...mi hai dato Penelope e lei....e' fin dentro alle mie ossa...oltre che nel mio cuore ovviamente....ti ringrazierò all'infinito. Un bacio e a presto!
Ciao Cesy.....!
ciao Cesy...sono venuta a trovarti....te l'avevo promesso quando ci siamo viste a Caffaro. Ero certa che mi sarebbe piaciuto il tuo blog ....è un po' come perdersi in un mondo parallelo...un mondo fatato, come il tuo giardino dei ribes.... un bacione
Piccole,fantastiche,magiche creature..... Presto la nostra famiglia si allargherà, accogliendo un piccolo della Sciamana. Non vediamo l'ora che arrivi quel momento!

Da sapere!

Quando si decide di acquistare un gattino da compagnia di razza è bene non farsi prendere dall’entusiasmo e dalla frenesia di avere subito un cucciolo da portare a casa ed effettuare invece una ricerca facendo particolarmente attenzione ad alcuni aspetti molto importanti onde EVITARE DI ESSERE TRUFFATI oltre che ASSICURARSI DI ACQUISTARE UN GATTINO SANO. Accertarsi sulla salute del cucciolo che si desidera acquistare vi eviterà dispendiose cure veterinarie in seguito.

DA CHI ACQUISTARE IL CUCCIOLO
Se volete comprare un cucciolo di razza è consigliabile cercare un allevamento “serio”. Non sostenete i negozi che vendono animali, perché i cuccioli che vedete dai negozianti sono cuccioli quasi certamente provenienti dal traffico d'animali oppure da pseudoallevamenti che producono cuccioli “in batteria” solo per essere venduti nei negozi ad un prezzo basso e siate cauti nei confronti di annunci su siti commerciali, in entrambi i casi potreste finire con un gattino malato e/o svezzato troppo presto. In ogni caso, contattate più di un allevatore prima di comprare un cucciolo e cercate un allevatore disponibile a fornirvi tutta la documentazione, le informazioni e le garanzie necessarie, parlate con lui anche di eventuali problemi di salute legati alla razza che vi interessa. Assicuratevi che siano stati effettuati tutti i test, genetici e non, sui genitori che il cucciolo sia stato sverminato e che abbia completato il ciclo delle prime vaccinazioni, che sia cresciuto con amore, in un luogo pulito e igienico e non in una gabbia. Se possibile, prima di acquistare un gattino, visitate l'allevamento e se intuite che qualcosa ''non va'' in un allevatore, cercatene altri.


QUANTO COSTA UN CUCCIOLO DI RAZZA?

Non è facile rispondere a questa domanda: dipende dalla razza (se è più o meno diffusa), dalla genealogia (il cucciolo potrebbe essere figlio di campioni e frutto di un lavoro di selezione in alta genealogia) e dall'allevatore. In genere in allevamento il prezzo di un cucciolo “da compagnia” può oscillare tra 600 e i 1.000 €.e. Acquistando il cucciolo da un privato la cifra può scendere, ma spesso i privati non presentano la stessa serietà degli allevatori ed è più facile trovare cuccioli che non abbiano tutte “le carte in regola”. Un acquisto dettato esclusivamente da una cifra allettante potrebbe non rivelarsi la scelta migliore, se tutto quello che avete risparmiato all'atto dell'acquisto lo dovete poi spendete in visite, esami ed interventi veterinari. Inoltre il costo di un gatto di razza non può essere determinato dalla presenza o meno del pedigree: il pedigree non ha un costo così elevato da giustificare dei prezzi bassi quando il gatto viene ceduto senza. Il costo reale del pedigree è di circa 15 -20 €.

CON PEDIGREE o SENZA?
Chi desidera un cucciolo da compagnia e non è interessato alla riproduzione o alle esposizioni feline, spesso ritiene che il pedigree sia inutile e in effetti, se il gatto verrà sterilizzato e passerà il resto della sua vita in casa, il pedigree “nella pratica” non servirà a niente. Va però ricordato che IL PEDIGREE È L'UNICO DOCUMENTO CHE ATTESTA CHE IL VOSTRO CUCCIOLO È DI RAZZA. Il pedigree è il certificato di iscrizione del gatto al Libro delle Origini (LO) di una determinata associazione felina. Questo significa che sul pedigree viene riportato l'albero genealogico del vostro gatto fino a molte generazioni indietro e viene così tenuta traccia della sua linea di sangue, pertanto solo il pedigree potrà garantirvi che il gattino appartenga realmente alla razza scelta. Se non avete alcuna preparazione specifica sulle razze feline potrebbero rifilarvi un meticcio spacciandolo per un gatto di razza. Acquistare un gatto con pedigree significa essere tutelati da eventuali truffe. E’ bene ricordare che per “gatto di razza” si intende un gatto in possesso di pedigree, pertanto chi promuove la vendita di cuccioli di razza senza pedigree infrange la legge italiana – Decreto Legge: DLG 529/1992 ART. 51 -

TEST DA RICHIEDERE
Per assicurarsi che il cucciolo che state acquistando sia sano, ci sono alcuni test che potete e dovete richiedere. Si tratta di test che vengono effettuati sui riproduttori, quindi validi per tutte le cucciolate: non vi è quindi la necessità di testare ciascun cucciolo se i genitori risultano negativi a tutti i test. Il test principale da richiedere è il FIV/FeLV. La FIV è in sostanza l'HIV dei gatti, mentre la FeLV è la leucemia felina. Sono patologie sostenute da virus trasmissibili da gatto a gatto, patologie incurabili e con prognosi infausta. Esistono poi delle patologie genetiche, come ad esempio la PKD nei Persiani e la HCM nei Maine Coon che colpiscono rispettivamente i reni e il cuore.

Salva

Salva

Salva

Salva