• ...benvenuti a voi che passate per questa mia casa, entrate in silenzio e con calma, sedetevi e ascoltate ogni respiro perso in ogni stanza,troverete solo serenità e bellezza fatta di cose vere e semplici.Una casa abitata da felini dagli occhi d'oro e dal manto argento-blu, il colore della luna piena d'agosto. Accarezzare un gatto, affondare il viso e aspirare il loro essere ci fa sentire la libertà cos'è.Il certosino è la sentinella dei nostri sogni, nessun incubo potrà introfularsi nel nostro sonno, e il risveglio sarà dolce come i suoi occhi che ci guardano con amore...
  • 1

SI SA I FARAONI ERANO MAGICI...

CHEOPE DE LA SCIAMANA 

 

VAJONT

SPIKE DE LA SCIAMANA

Ieri è stato un anniversario, uno di quelli che ogni anno ritorna e non sai neppure il perchè lo senti così tuo...
Io di anni ne avevo 7 e la memoria è forte di quei giorni così particolari.
La tragedia del 9 Ottobre del Vajont è stata anche nostra, del piccolo paesino abbarricato alle montagne.
Le notizie arrivavano sempre in ritardo su da noi ma quella notizia arrivò in fretta, si propagò lungo le vie del paese,  mi ricordo che il parroco venne a scuola e invitò tutti gli alunni di pregare per la suor Lia.
Suor Lia, la mia dolce suor Lia, quella che io conoscevo bene abitando di fronte alla casa " delle suore".
Quella che mi insegnava a leggere e che mi aiutava a fare i compiti, ricordo noi bimbi seduti come birilli sulla scala che portava al piano notte delle suore.
Ricordo tante cose, anche buffe, le loro cuffiette bianche e i loro capelli tagliati cortissimi, io ero la loro piccola e quando si ammalavano ero quella che andava avanti e indietro a portare tisane e pitali.
Ora i loro nomi mi sfuggono ma c'era la suora che aveva sempre in tasca le " biline" castagne secche che lei regalava come se fossero caramelle, Dio, quanto erano dure, duravano un'eternità!
C'era la madre, ecco, quella era la più antipatica, faceva valere il suo potere su ogni cosa e comandava a bacchetta le altre 3.
Suor Lia era friulana e credo che alla fine l'abbiano accontentata e mandata vicino a casa, a Longarone.
Non ricordo le tematiche ma so che un bel giorno l'ho accompagnata alla corriera piangendo e sapevo che era un distacco per sempre.
Però quel filo di affetto non si è mai interrotto, alla mia prima comunione mi ha fatto recapitare l'abito bianco, fa nulla se era quello di una sposa, la sarta del paese l'ha accorciato e stretto e anch'io quel giorno ero una bimba felice e il grazie è volato a suor Lia..
Sono stati giorni di ansia e di rosari, molti rosari per la nostra suor Lia ma alla fine la notizia è arrivata, suor Lia era morta come l'infinità di vite strappate dalla diga del Vajont.
Dopo poco è arrivato in paese il "santino" con la foto della nostra suor Lia, sorridente con i suoi occhiali neri, ricordo con affetto il suo tic, quello di tirarseli su, in alto sul naso.
Ricordi che mi sono dentro e che mi fanno piangere ogni volta che guardo il bellissimo monologo dell'attore/cantastorie Paolini.
Una frase mi fa sempre piangere, una frase dove tutta la tragedia appare nella sua realtà..
Sul Piave si vendemiavano i morti...

KORA

 

 
 
Kora con Tiffany , questa foto ha 8 anni e era l'ultima cucciolata della mia Tiffany che è la gatta riprodotta sulla foto principale del mio Blog.
 

In casa mia non abbiamo solo gatte ma c'è anche una cagnolona sui 38 kg, Kora.
Kora è una pitbull american amstaff, bellissima e viziatissima come tutte le mie ragazze.
Kora fa parte della famiglia da sempre, ricordo che a 3 mesi quando è arrivata era molto timida e impaurita.
Erano rimaste in due mi ha raccontato Mara, e una delle due le si era buttata tra le gambe a chiedere coccole, l'altra a quella scena si era ritirata nel suo box e la guardava come per dire " tanto non mi scegli".
E Mara ha scelto quella che la guardava sicura della sua sconfitta.
L'allevatore la chiamava "zerbino" forse perchè veniva picchiata?
Non so, so solo che ci sono allevatori che fanno cose che non dovrebbero fare, tipo far accoppiare soggetti non idonei alla riproduzione.
Kora è nata con la displasia a entrambe le ginocchia, già sull'anno zoppicava.
Abbiamo tentato di tutto, ma alla fine l'unica cosa è stata l'operazione.
Prima operazione a Bergamo, a parte la barca di soldi il doverla lasciare una notte lontano da casa è stata una sofferenza per lei e per noi.
Abbiamo, anzi, ho passato due mesi a dormire a tratti perchè per due mesi Kora ha dovuto stare in una gabbia chiusa e con il collare perchè non poteva caricare il peso sulla gamba e ogni ora mi chiedeva di uscire.
Uscire in terrazza a fare i suoi bisogni, a volte era per finta, si sedeva per terra e mi fissava con occhi umani, che pena doverla rinchiudere poi....
Dopo un anno seconda operazione ma stavolta a Salò e non me ne sono andata, ho aspettato che finisse l'operazione e poi me l'hanno caricata in macchina e siamo tornate a casa.
Stavolta non ha voluto la gabbia, ha opposto una resistenza pazzesca e alla fine ha vinto lei!
Già ha vinto Kora e la soluzione è stato il lettone di notte e il divano di giorno, praticamente le abbiamo tenuto compagnia giorna e notte senza mai lasciarla un attimo da sola per la paura che si alzasse.
Poi c'è stato anche un tumore e la sterilizzazione, insomma non si è fatta mancare nulla.
Però tutte queste cose l'hanno fatta diventare molto gelosa e territoriale, insomma se arrivano persone nuove Kora deve essere rinchiusa via.
Lei con noi è dolcissima e a volte sicuramente si sente un gatto visto che cerca di venirmi in grembo come fanno le Grigie, è buffissima a mi lascia senza fiato, 38 kg, ricordiamocelo!
Ma le persone che proprio odia sono i veterinari, riconosce il loro odore e nonostante la chiuda via lei sa che sono venuti e ringhia con il pelo sollevato a cresta.
Per Kora noi siamo il suo branco, il capo indiscusso è Mara, poi c'è Dario che la porta fuori e poi ci sono io, quella che gli da la pappa e che la cura ma che non ha nessuna autorità .
Kora riesce a farmi fessa sempre, bastano due moine e mi scrocca il biscottino, anche a pranzo è sempre accanto a me con il muso a premermi la coscia come a dire " mamma, sono qui", sa che Mara non vuole che le dia nulla ma lei aggira l'ostacolo.
Mara è via da qualche giorno e Kora è in depressione, mangia meno e ci guarda con occhi tristissimi, nemmeno a imboccarla mangia...
Stavo già preoccupandomi ma ieri mi è sorto un dubbio....
Ieri mattina Dario mi fa, " guarda che le gatte hanno la ciotola vuota", strano ho pensato l'ho riempita da pochissimo tempo.
Ho riempito la ciotola, ok che ho cambiato crocche e magari queste piaciono di più però mi è sorto un dubbio.
Stamattina la ciotola era vuota, anzi, come se fosse stata lappata per bene, Kora ho urlato e poi sono scoppiata a ridere.
La mia fintona, prima si mangia un kg di crocche per i gatti e poi fa quella che si lascia morire di fame per farci intenerire.
Che dire?
Meglio così, ora la ciotola per i gatti si trova in alto e lei è sul divano che mostra tutta l'indifferenza che può.

Kora come è stamattina... mogia mogia.... basta crocche dei gatti 1 1

 

UN GATTO GRIGIOARGENTO

CHEOPE DE LA SCIAMANA,

 

Contatti

ALLEVAMENTO AMATORIALE

CON AFFISSO


GATTI CERTOSINO DE LA SCIAMANA

BRESCIA

DI SEGUITO GLI UNICI CONTATTI VALIDI

+39 377.6874616

TUTTE LE MIE GRIGIE e GLI STALLONI SONO STATI TESTATI TRAMITE PRELIEVO EMATICO PER IL RENE POLICISTICO (PKD GENETIC TEST) al laboratorio VETOGENE di MILANO, ECOGRAFICAMENTE PER HCM, ovviamente testati anche per FIV, FELV

GATTINI DISPONIBILI

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Salva

Salva

Foto

RAMESSE DEL BORGO MATTO

ELORA E BODI DHARMA DE LA SCIAMANA

ZOE DE LA SCIAMANA

tanus

TANUS DI SANTA FIORA

TRE CUCCIOLI NATI DA BODI DHARMA E DA TANUS DI SANTA FIORA

REBECCA DEL BORGO MATTO

BODI DHARMA

" Perle d'Ambra in uno scrigno di grigia bellezza "

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Ultimi saluti

Ciao Cesy sono arrivata da te col cuore colmo di tristezza perché ferito da un’allevatrice che ci aveva promesso un cucciolo.... ce lo aveva fatto conoscere .... ci aveva fatto anche scegliere il nome .... per poi a pochi giorni dalla consegna decidere di non darcelo più senza alcuna giustificazione lasciandoci con la cuccia vuota..... ma tu hai ridato noi e a mio figlio il sorriso.... perché...
Ciao cesy....finalmente sono riuscita a mettere un' impronta pure io e.....sarò scontata ma conoscere la tua famiglia umana e certosina e' stata una gran cosa...mi hai dato Penelope e lei....e' fin dentro alle mie ossa...oltre che nel mio cuore ovviamente....ti ringrazierò all'infinito. Un bacio e a presto!
Ciao Cesy.....!
ciao Cesy...sono venuta a trovarti....te l'avevo promesso quando ci siamo viste a Caffaro. Ero certa che mi sarebbe piaciuto il tuo blog ....è un po' come perdersi in un mondo parallelo...un mondo fatato, come il tuo giardino dei ribes.... un bacione
Piccole,fantastiche,magiche creature..... Presto la nostra famiglia si allargherà, accogliendo un piccolo della Sciamana. Non vediamo l'ora che arrivi quel momento!

Da sapere!

Quando si decide di acquistare un gattino da compagnia di razza è bene non farsi prendere dall’entusiasmo e dalla frenesia di avere subito un cucciolo da portare a casa ed effettuare invece una ricerca facendo particolarmente attenzione ad alcuni aspetti molto importanti onde EVITARE DI ESSERE TRUFFATI oltre che ASSICURARSI DI ACQUISTARE UN GATTINO SANO. Accertarsi sulla salute del cucciolo che si desidera acquistare vi eviterà dispendiose cure veterinarie in seguito.

DA CHI ACQUISTARE IL CUCCIOLO
Se volete comprare un cucciolo di razza è consigliabile cercare un allevamento “serio”. Non sostenete i negozi che vendono animali, perché i cuccioli che vedete dai negozianti sono cuccioli quasi certamente provenienti dal traffico d'animali oppure da pseudoallevamenti che producono cuccioli “in batteria” solo per essere venduti nei negozi ad un prezzo basso e siate cauti nei confronti di annunci su siti commerciali, in entrambi i casi potreste finire con un gattino malato e/o svezzato troppo presto. In ogni caso, contattate più di un allevatore prima di comprare un cucciolo e cercate un allevatore disponibile a fornirvi tutta la documentazione, le informazioni e le garanzie necessarie, parlate con lui anche di eventuali problemi di salute legati alla razza che vi interessa. Assicuratevi che siano stati effettuati tutti i test, genetici e non, sui genitori che il cucciolo sia stato sverminato e che abbia completato il ciclo delle prime vaccinazioni, che sia cresciuto con amore, in un luogo pulito e igienico e non in una gabbia. Se possibile, prima di acquistare un gattino, visitate l'allevamento e se intuite che qualcosa ''non va'' in un allevatore, cercatene altri.


QUANTO COSTA UN CUCCIOLO DI RAZZA?

Non è facile rispondere a questa domanda: dipende dalla razza (se è più o meno diffusa), dalla genealogia (il cucciolo potrebbe essere figlio di campioni e frutto di un lavoro di selezione in alta genealogia) e dall'allevatore. In genere in allevamento il prezzo di un cucciolo “da compagnia” può oscillare tra 600 e i 1.000 €.e. Acquistando il cucciolo da un privato la cifra può scendere, ma spesso i privati non presentano la stessa serietà degli allevatori ed è più facile trovare cuccioli che non abbiano tutte “le carte in regola”. Un acquisto dettato esclusivamente da una cifra allettante potrebbe non rivelarsi la scelta migliore, se tutto quello che avete risparmiato all'atto dell'acquisto lo dovete poi spendete in visite, esami ed interventi veterinari. Inoltre il costo di un gatto di razza non può essere determinato dalla presenza o meno del pedigree: il pedigree non ha un costo così elevato da giustificare dei prezzi bassi quando il gatto viene ceduto senza. Il costo reale del pedigree è di circa 15 -20 €.

CON PEDIGREE o SENZA?
Chi desidera un cucciolo da compagnia e non è interessato alla riproduzione o alle esposizioni feline, spesso ritiene che il pedigree sia inutile e in effetti, se il gatto verrà sterilizzato e passerà il resto della sua vita in casa, il pedigree “nella pratica” non servirà a niente. Va però ricordato che IL PEDIGREE È L'UNICO DOCUMENTO CHE ATTESTA CHE IL VOSTRO CUCCIOLO È DI RAZZA. Il pedigree è il certificato di iscrizione del gatto al Libro delle Origini (LO) di una determinata associazione felina. Questo significa che sul pedigree viene riportato l'albero genealogico del vostro gatto fino a molte generazioni indietro e viene così tenuta traccia della sua linea di sangue, pertanto solo il pedigree potrà garantirvi che il gattino appartenga realmente alla razza scelta. Se non avete alcuna preparazione specifica sulle razze feline potrebbero rifilarvi un meticcio spacciandolo per un gatto di razza. Acquistare un gatto con pedigree significa essere tutelati da eventuali truffe. E’ bene ricordare che per “gatto di razza” si intende un gatto in possesso di pedigree, pertanto chi promuove la vendita di cuccioli di razza senza pedigree infrange la legge italiana – Decreto Legge: DLG 529/1992 ART. 51 -

TEST DA RICHIEDERE
Per assicurarsi che il cucciolo che state acquistando sia sano, ci sono alcuni test che potete e dovete richiedere. Si tratta di test che vengono effettuati sui riproduttori, quindi validi per tutte le cucciolate: non vi è quindi la necessità di testare ciascun cucciolo se i genitori risultano negativi a tutti i test. Il test principale da richiedere è il FIV/FeLV. La FIV è in sostanza l'HIV dei gatti, mentre la FeLV è la leucemia felina. Sono patologie sostenute da virus trasmissibili da gatto a gatto, patologie incurabili e con prognosi infausta. Esistono poi delle patologie genetiche, come ad esempio la PKD nei Persiani e la HCM nei Maine Coon che colpiscono rispettivamente i reni e il cuore.

Salva

Salva

Salva

Salva